Testimonianze


 

 

 

Sarebbe bello che ognuno di voi potesse vedere con i propri occhi

Ci siamo recati a Zuway dove abbiamo incontrato poco più di 200 bambini, a Bulbula Desta circa 350 e per finire, Adigrat dove ne abbiamo incontrati quasi 2.500. Tre villaggi, tre situazioni molto diverse come pure le condizioni in cui vivevano i bambini.

di Milena De Boni

 

"Solo casi speciali"

Sono centinaia e, senza parlare, mi guardano. Ogni adulto ha con se più di un bambino. Sono quasi tutte mamme con un piccolo in braccio ed uno o due bambini attaccati alla gonna e seminascosti; molte hanno in grembo un altro figlio. (...)

di Patrizia Guzzardi

 

Direttamente da Areka

Scrivere un articolo direttamente da Areka non è semplice. Qui tutto si mescola e diventa difficile riordinare i pensieri e le emozioni per poi descriverli. Perché quando si parla degli occhi dei bambini e della semplicità con cui ti prendono per mano o della dignità delle donne africane (...)

di Milena De Boni

         

 

 

Ho vissuto e visto cose che non avrei mai immaginato

Estate tra laurea e lavoro. Sono giovane ed ho tempo. Lo faccio? Lo faccio! Prenoto il volo e faccio i vaccini del caso. Quattro giorni dopo sono in aereo, destinazione Addis Abeba. Non so cosa mi aspetti, non so cosa aspettarmi. L’Africa.

di Stefano Oltolini

 
 

Sono fortunato. Tutto qua.

Ho riflettuto molto sulla breve esperienza vissuta in Etiopia ed una cascata di emozioni non mi permetteva di focalizzare la sensazione rimasta che ha lasciato un segno indelebile. Sono fortunato. Tutto qua.
Potevo nascere in uno dei tanti Paesi poveri del mondo, dove regna la carestia o c’è una guerra, invece no (...)

di Alessandro Vivalda

 
 

La testimonianza di chi torna da un viaggio nella povertà suscita il desiderio di partire

Guardavo le lacrime sul viso di Francesca… le segnavano il volto, scorrevano mentre mi raccontava della sua esperienza in Etiopia… malinconia forse, e tanta voglia di non dimenticare e di condividere (...)

di Giada Denti

         

 

 

   

 

Impossibile dimenticare

Chiudiamo gli occhi e se fino a un attimo prima ci sentivamo ancora nel “nostro mondo” ora ci accorgiamo di essere in un altro luogo. Un luogo molto diverso da quello in cui siamo sempre vissuti: i profumi, le voci, i colori sono diversi da quelli a cui siamo abituati (...)

di Alessio Bona e Sara Gastoldi