« Torna alla pagina Notizie

19/06/2017

FINO AD OGGI, GRAZIE A VOI

Purtroppo è ancora necessario intervenire con urgenza, le richieste di aiuto stanno aumentando e provengono anche da Dessiè, Kobbo e Wollo. Continua pertanto l’impegno del CAE per l’acquisto e la distribuzione di derrate alimentari, olio, farina agli abitanti delle zone più colpite. La situazione è grave, anzi peggiorata, perché anche quest’anno le piccole piogge non sono arrivate, la semina è stata vana e ciò comporta carenza dei raccolti agricoli e dell’acqua per soddisfare i bisogni delle persone e del bestiame. 

Già negli scorsi mesi di aprile e maggio 2017 abbiamo distribuito derrate alimentari nelle zone più colpite. In collaborazione con le autorità locali, che ci hanno indicato le famiglie più bisognose, il nostro staff ha distribuito olio e farina nelle città di Mokonissa, Makallè, Adigrat, Gondar, Boditi.  Ogni nucleo familiare ha ricevuto il quantitativo di provviste consono al numero di componenti.

Pochi giorni fa (23 agosto 2017) il Presidente Roberto Rabattoni, insieme ad un gruppo di volontari di Lazise (VR), ha coordinato una nuova distribuzione a Bukama: 1000 quintali di grano, 500 quintali di cibo liquido per i denutriti, 75 scatoloni di olio e biscotti nutrienti.

Riportiamo qui la lettera di ringraziamento che abbiamo ricevuto del Coordinatore dei Frati Cappuccini che ci hanno aiutato nelle distrubuzioni, Padre Hailegabriel Meleku.

Sul nostro canale di Youtube potete trovare il video testimonianza di Roberto Rabattoni girato durante la distribuzione. Anche il Sole 24 Ore ha dedicato un servizio alla gravosa situazione.

Tutto questo è stato possibile grazie al vostro prezioso contributo! La gratitudine di queste persone era indescrivibile. Queste distribuzioni significano non solo sostentamento ma sono segno di Speranza!

Continuate a sostenerci insieme potremo aiutare ancora molte persone bisognose!

 

Anche tu puoi fare qualcosa per loro. Aiutali subito.

Nei tuoi versamenti (deducibili o detraibili) indica la Causale: EROGAZIONE LIBERALE EMERGENZA FAME

 

vai alla pagina del progetto